di Sabrina Sedda

Dal 7 maggio e fino al 26 settembre è possibile visitare a Bologna, la mostra dedicata ad Andrea Pazienza, tra i più grandi fumettisti e disegnatori italiani, fonte di ispirazione di molti artisti, come il regista De Maria (per citarne uno), che nel 2002 ha diretto il film Paz!, tratto dai suoi fumetti.

La mostra su Andrea Pazienza è ospitata nelle sale di Palazzo Albergati, nel centro del capoluogo emiliano. Il Palazzo rinascimentale, vittima di un incendio nel 2008, è stato riaperto dopo lunghi restauri, e dal 2014 è sede di importanti mostre d’arte.

LA MOSTRA SU ANDREA PAZIENZA IN DUE MINUTI (DI ARTE)

A 24 anni dall’ultima esposizione delle opere di Andrea Pazienza del 1997, i curatori della mostra hanno fatto una raccolta di oltre 100 opere donate dalle persone a lui più vicine, da tavole originali dei fumetti ad illustrazioni realizzate con diversi materiali.

La mostra sul Paz non sarà incentrata solo sulle sue opere, ossia sull’artista, ma anche sulla sua persona, imparando a conoscere (o riconoscere) il volto di Andrea Pazienza attraverso una selezione di storiche immagini di Enrico Scuro, fotografo e artista visuale.

Andrea Pazienza è considerato da molti il massimo esponente dello storytelling. La sua capacità di creare narrazioni senza alcun freno inibitorio dato dalla società o dal senso comune, ha influenzato tutto il mondo del fumetto, la nona arte. Trasferitosi a Bologna nel ’74, ha iniziato la sua carriera nel ’77, periodo di rivolte studentesche e tumulti, che ha influenzato il suo genio creativo.

La mostra “Fino all’estremo” di Andrea Pazienza non è solo un viaggio tra le opere di un bravissimo artista venuto a mancare troppo presto, ma è anche l’occasione per ricordare un pezzo della storia italiana, quando Bologna era il centro di un’onda di energia e creatività, capace di rivoluzionare il modo di intendere l’arte e la cultura.

La mostra

“Andrea Pazienza. Fino all’estremo”
al Palazzo Albergati di Bologna,
fino al 26 settembre 2021

Info: https://www.palazzoalbergati.com/andrea-pazienza

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.