In due minuti vi raccontiamo la vita di uno dei presidenti americani più amati, che ha combattuto contro la schiavitù e per questo ha perso la vita. 

Abraham Lincoln_due minuti d'arte
Abraham Lincoln, ritratto nel novembre del 1863

Altissimo (1,93 metri), pronto a lottare per una giusta causa (la liberazione degli afroamericani dalla schiavitù e l’unità nazionale), grande oratore, secondo il regista Seth Grahame-Smith è stato anche cacciatore di vampiri (almeno su pellicola), secondo Steven Spielberg è stato un uomo saggio, tenace e bonario (stando al film “Lincoln” del 2012). Di certo Abraham Lincoln è uno dei Presidenti più amati dagli americani, insieme a J.F. Kennedy. E non è un caso. La loro vita (e la loro morte) hanno molto in comune, almeno secondo alcuni. Parlerò anche di questo nei miei dieci punti, ma racconterò soprattutto la vita (e le imprese) di un grande presidente che ha scritto una pagina indelebile della storia americana.

LA VITA E LE IMPRESE DI ABRAHAM LINCOLN: RIASSUNTO IN DUE MINUTI (DI ARTE)

1. Abraham Lincoln (1809-1865) è stato il sedicesimo presidente degli Stati Uniti (dal 1861 al 1865) ed il primo del Partito Repubblicano (fondato nel 1954).

2. Lincoln è il presidente che ha posto fine alla schiavitù negli Stati Uniti con la ratifica del XIII emendamento della Costituzione (1865).

3. Per fare ciò ha affrontato una sanguinosa guerra civile, la famosa Guerra di Secessione, durata dal 1861 al 1865, tra Stati Uniti d’America (gli stati che non volevano dividere la nazione, che si trovavano al Nord e Nord-Ovest) e Stati Confederati d’America (al Sud, che chiedevano la secessione e che erano contrari all’abolizione della schiavitù).

4. Lincoln prima di diventare politico è stato un ottimo avvocato, famoso per le sue coinvolgenti ed argute orazioni.

Lincoln Memorial, Washington
La statua di Abraham Lincoln al Lincoln Memorial di Washington (Foto di Matti Mattila – CC BY 2.0)

5. Da presidente, il suo discorso tenuto a Gettysburg dopo la sanguinosa battaglia che si era combattuta in quei luoghi è considerato uno dei capisaldi della democrazia americana.

6. Lincoln sopravvive a un attentato a Baltimora nel 1861, poco prima dell’inizio della Guerra di Secessione.

7. Lincoln viene assassinato il 14 aprile del 1865 mentre si trova a teatro con al moglie. È John Wilkes Booth, un attore della Virginia simpatizzante per i sudisti a sparargli un colpo di pistola alla testa. Pare che gli abbia urlato: Sic sempre tyrannis!, frase pronunciata da Bruto nell’assassinio di Cesare e motto dello stato della Virginia.

8. Nel 1865, in onore del presidente morto, il poeta Walter Whitman compone la poesia “O capitano! Mio capitano!”, che molti conoscono per il toccante finale del film “L’attimo fuggente”

9. Secondo alcuni, ci sono molti parallelismi tra la figura di Lincoln e quella di Kennedy. Entrambi, ad esempio, si erano impegnati in politica per difendere i diritti della gente di colore (contro la schiavitù il primo e per i diritti civili degli afroamericani il secondo).

10. Lincoln fu ucciso mentre si trovava al teatro Ford. Kennedy fu assassinato mentre era a bordo di una Lincoln, prodotta dalla Ford. Ma fermiamoci qui, non è una puntata di Voyager.

+

“È accaduto così in tutte le epoche del mondo che alcuni hanno lavorato e altri hanno, senza lavoro, goduto di una gran parte dei frutti. Questo è sbagliato, e non deve continuare.” (Abraham Lincoln)

Abraham Lincoln, emancipazione
Lincoln si incontra con il suo gabinetto per la prima lettura della bozza della Proclamazione di emancipazione, primo passo verso l’abolizione della schiavitù negli Stati Uniti. Era il 22 luglio 1862
Advertisements