In due minuti vi racconto la storia di uno dei più importanti esponenti del surrealismo, dei suoi orologi molli e della sua vita intensa, a cavallo tra sogno e realtà.

Salvador Dalí, ritratto nel 1965
Salvador Dalí, ritratto nel 1965

Baffi lunghi e sottili, ispirati a quelli del maestro del Seicento spagnolo Diego Velázquez, abiti di velluto dai colori sgargianti con ricami in oro: Salvador Dalí di certo non ha mai brillato per discrezione, capace già con il suo aspetto di raccontare il suo immaginario onirico, ovattato, surreale.

Ha percorso il Novecento quasi per intero seminando tracce indelebili che sono diventate icone del secolo “in bianco e nero”.

Ha vissuto una vita intensa danzando in continuo equilibrio tra realtà e finzione, trasformando la sua esistenza in uno dei suoi mondi onirici, dove gli orologi si sciolgono al sole, i gatti volano e gli animali hanno zampe lunghissime e sottili, come i suoi baffi.

LA VITA E LE OPERE DI SALVADOR DALÍ: RIASSUNTO IN DUE MINUTI (DI ARTE)

1. Lo spagnolo Salvador Dalí (Figueres, 1904-1989) è considerato uno dei più importanti artisti del XX secolo, ed uno degli esponenti di punta del Surrealismo.

Considerarlo semplicemente un pittore appare riduttivo, in quanto è stato anche scultore, scrittore, fotografo, cineasta, designer e sceneggiatore.

2. Per surrealismo si intende il movimento artistico e letterario d’avanguardia, nato dopo la Prima Guerra Mondiale che afferma l’importanza dell’inconscio nel processo di creazione, in contrapposizione al dominio della ragione.

I surrealisti hanno dato vita a opere irrazionali, oniriche e ad accostamenti spesso inconsueti (es. gli orologi sciolti di Dalí, gli uomini fluttuanti di Magritte).

Salvador Dalí, La tentazione di Sant'Antonio
Salvador Dalí, La tentazione di Sant’Antonio, 1946, olio su tela, 90×120 cm, Museo reale delle belle arti del Belgio, Bruxelles

3. La vita di Dalí apparve singolare sin dai primi anni. Suo fratello maggiore, che si chiamava Salvador (anche lui) morì di meningite nove mesi prima che l’artista nascesse.

I genitori si convinsero quindi che il neonato non fosse altri che la reincarnazione del figlio morto, e di questo persuasero anche il giovane Salvador Dalí, che ci credette per tutta la vita.

4. Salvador Dalí fu iniziato all’arte fin da giovane. Il padre, quando il ragazzo aveva solo sedici anni, organizzò una mostra dei suoi disegni a carboncino.

In seguito Salvador si iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Madrid ma fu cacciato nel 1926 perché si rifiutò di dare l’esame finale dichiarando che nessuno dei membri della commissione era abbastanza competente per giudicarlo.

5. Dopo l’esperienza di Madrid, Dalí si recò a Parigi dove fece la conoscenza di Picasso, artista che il giovane Salvador ammirava da lungo tempo.

In quegli anni (1929) conobbe anche il regista Luis Buñuel con cui collaborò per creare il capolavoro del cinema surrealista Un chien andalou (la lama che scalfisce l’occhio non la si dimentica facilmente).

Salvador_Dalì_Sogno-causato-dal-volo-di-un-ape-intorno-a-una-melagrana-un-attimo-prima-del-risveglio_vita_opere_due-minuti-di-arte
Salvador Dalì. Sogno causato dal volo di un’ape intorno a una melagrana un attimo prima del risveglio, olio su tela, 51×40,5 cm, 1944, Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid

6. Sempre nel 1929 conobbe Gala Eluard, di undici anni più grande di lui ed ex moglie dell’amico poeta Paul Éluard. I due si sposarono civilmente nel 1934, per poi risposarsi, questa volta con una cerimonia religiosa, nel 1958.

Dalí si legò moltissimo alla donna sia (ovviamente) sentimentalmente ma anche professionalmente. Gala era infatti bravissima nel promuovere le opere e l’immagine pubblica di suo marito.

7. Del resto l’arte di Salvador Dalí valicava i confini dei musei per riversarsi con forza nella sua esistenza quotidiana. Lo stesso artista si impegnava moltissimo affinché anche la sua immagine pubblica e le sue azioni venissero considerate “surrealismo”.

Nel 1936, ad esempio, si presentò ad una conferenza a Londra con due levrieri russi al guinzaglio e uno scafandro da palombaro sul capo. La gente apparve divertita, fino a quando l’artista rischiò di morire soffocato, a causa del casco. I presenti in principio credettero che si trattasse di uno scherzo ma poi, resosi conto della gravità dell’accaduto, dovettero intervenire d’urgenza per liberare Salvador dalla trappola mortale. Ripreso fiato l’artista pare abbia commentato: “Ho solo voluto mostrare che mi stavo ‘immergendo a fondo’ nella mente umana.”

8. L’opera più nota di Salvador Dalí è La persistenza della memoria (1931), opera-simbolo dell’arte surrealista.

Gli orologi molli sono considerati da molti osservatori il segno della memoria che, col trascorrere degli anni, perde consistenza e forza. Nell’opera pare esserci anche l’influenza della teoria della relatività di Albert Einstein.

Altre opere famose sono La tentazione di Sant’Antonio (1946) e Sogno causato dal volo di un’ape intorno a una melagrana un attimo prima del risveglio (1944).

Salvador Dalì; La persistenza della memoria
Salvador Dalì; La persistenza della memoria, 1931, olio su tela, 24×33 cm, The Museum of Modern Art di New York, New York

9. Nel 1940, con l’inasprirsi del Secondo Conflitto Mondiale, Salvador Dalí lasciò l’Europa per volare a New York con Gala. Negli Stati Uniti venne accolto come una star. Collaborò con Hitchcock per il film Io ti salverò, lavorò con Walt Disney, disegnò gioielli, complementi d’arredo (famoso il suo Telefono Aragosta) e mobili. È suo il logo dei lecca lecca Chupa Chups.

L’enorme operazione di marketing che mise in moto con la sua immagine e con le sue creazioni fu causa di aspri dissapori con i colleghi surrealisti.

10. Nel 1982 con la morte dell’amata Gala si spense anche Salvador Dalí. Smise di mangiare e bere, si chiuse in casa e rinunciò a frequentare persone.

Una delle ultime visite fu quella del re Juan Carlos che andò a trovarlo nel 1988 in ospedale e gli confessò di essere un suo grande ammiratore.

Dalí morì un anno dopo per un attacco di cuore, a 84 anni.

“Ogni mattina mi sveglio e, guardandomi allo specchio, provo sempre lo stesso ed immenso piacere: quello di essere Salvador Dalì.” (Salvador Dalí)

Salvador_Dalì_Halsman_biografia_vita_opere_due-minuti-di-arte
Dalí Atomicus (1948), ritratto da Halsman

La mostra:

“Salvador Dalí”
al PAN, Palazzo delle Arti di Napoli

Informazioni: la mostra di Dalí a Napoli

Annunci

14 Comments »

  1. Pingback: Array

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.