In due minuti vi raccontiamo la storia del più importante artista futurista, e delle sue opere, tra dipinti e sculture immortali.

umberto_boccioni_autoritratto_vita_opere_riassunto_due-minuti-di-arte
Umberto Boccioni, Autoritratto, 1908, Pinacoteca di Brera, Milano

Se guardate un’opera di Boccioni riuscite a percepire immediatamente l’energia, il movimento, la tensione. È come se l’artista fosse spinto da una forza che lo costringa all’azione, incapace di restare fermo. Non è un caso se, il padre del futurismo Filippo Tommaso Marinetti scrisse di lui: “Ha un’anima avventurosa e inquieta di lottatore, attratto di volta in volta dall’azione violenta e dal sogno”.

In effetti, se c’è un punto fermo (si fa per dire) nella vita di Boccioni è proprio la sua incapacità nel restare fermo. Da bambino è costretto a spostarsi per necessità, da adulto per scelta: all’inizio per curiosità, per ammirare da vicino i grandi movimenti che stavano rivoluzionando l’arte europea, poi per “missione”, per raccontare agli artisti del vecchio continente cosa stava accadendo in Italia, per spiegare loro come un gruppo di giovani artisti stava cambiando per sempre le regole dell’arte nel Belpaese.

LA VITA E LE OPERE DI UMBERTO BOCCIONI: RIASSUNTO IN DUE MINUTI (DI ARTE)

1. Umberto Boccioni (Reggio Calabria 1882 – Verona 1916) è stato uno dei più importanti pittori e scultori italiani del Novecento. Viene considerato il più autorevole esponente del Futurismo, per quanto riguarda le arti visive. I suoi studi sul “dinamismo plastico” influenzeranno per lungo tempo l’arte del XX secolo.

Umberto Boccioni, La risata, 1911, New York, Museum of Modern Art
Umberto Boccioni, La risata, 1911, New York, Museum of Modern Art

2. Boccioni nasce a Reggio Calabria ma, a causa del lavoro del padre (usciere di prefettura) è costretto a spostarsi in molte città diverse nel corso dell’infanzia: Forlì, Genova, Padova, Catania. Non saranno le uniche mete nella vita di questo “artista viaggiatore”. Sarà proprio questo suo intenso girovagare ad aiutarlo a sviluppare quell’apertura mentale che renderà rivoluzionaria la sua ricerca artistica.

3. La prima forma d’arte a cui Boccioni si avvicina è però la letteratura: a diciotto anni (1900) pubblica infatti il suo primo romanzo, Pene dell’anima.

Si avvicinerà alla pittura a vent’anni, dopo essersi trasferito a Roma nel 1901. Nella capitale conosce infatti gli artisti Gino Severini, Giacomo Balla (artista già affermato all’epoca) e Mario Sironi, con cui stringerà una decennale amicizia.

4. Neanche a Roma Boccioni riesce a stare fermo. Grazie al sostegno della famiglia intraprende un viaggio attraverso l’Europa, per conoscere le Avanguardie artistiche. Si reca a Parigi (1906), in Russia e a Monaco di Baviera.

Tra un viaggio e l’atro, nel 1907 trova anche il tempo per iscriversi alla Scuola libera del Nudo del Regio Istituto di Belle Arti di Venezia.

umberto_boccioni_rissa-in-galleria_vita_opere_riassunto_due-minuti-di-arte
Umberto Boccioni, Rissa in galleria, 1909

5. Sarà Milano la città che trasmetterà a Boccioni quell’energia e quel dinamismo che condurrà alla nascita di uno dei movimenti artistici più importanti nella storia dell’arte italiana. Nel capoluogo lombardo comincia a frequentare il pittore Previati, che lo avvicinerà all’arte simbolista, ma conoscerà soprattutto Filippo Tommaso Marinetti e Carlo Carrà.

6. Con loro (e con gli artisti Luigi Russolo, Giacomo Balla e Gino Severini) Boccioni darà vita al Futurismo nelle arti figurative, grazie alla pubblicazione del Manifesto dei pittori futuristi nel 1909 a cui farà seguito il Manifesto tecnico del movimento futurista (1910).

umberto_boccioni_stati-animo-addii_vita_opere_riassunto_due-minuti-di-arte
Umberto Boccioni, Stati d’animo n.1. Gli addii, 1911, olio su tela, 71,2×94,2 cm, Moma, New York

7. Del resto la poetica artistica di Boccioni trova nel Futurismo e nei suoi ideali il naturale sbocco. La capacità di cogliere il movimento e il dinamismo nel dipinto e nella scultura è una delle chiavi di lettura principali per comprendere la tecnica dell’artista italiano.

A Boccioni è attribuita infatti la paternità del “dinamismo plastico”, tecnica basata sulla rappresentazione della simultaneità del movimento nelle arti figurative. Ne è un magnifico esempio l’opera scultorea Forme uniche della continuità nello spazio (1913). La trovate raffigurata sulla moneta da venti centesimi!

Umberto Boccioni, Forme uniche della continuità nello spazio, 1913, Museo del Novecento, Milano
Umberto Boccioni, Forme uniche della continuità nello spazio, 1913, Museo del Novecento, Milano

8. Oltre che artista di talento, Umberto Boccioni era anche un attento teorico dell’arte, a lui si devono due testi fondamentali per la comprensione dell’arte futurista: Pittura Scultura Futuriste e Dinamismo Plastico. Entrambe pubblicate nel 1914.

9. Nel 1915 l’Italia prende parte alla Prima Guerra Mondiale. I futuristi sono favorevoli all’intervento militare e Boccioni si arruola volontario assieme ad un gruppo di artisti nel Corpo nazionale volontari ciclisti automobilisti. Durante i mesi in trincea tuttavia l’artista si ricrederà circa l’eroismo guerriero e l’onore di poter combattere per la propria patria. Scriverà infatti all’amico Marinetti: la guerra “quando si attende di battersi, non è che questo: insetti + noia = eroismo oscuro….”.

10. Boccioni perderà la vita pochi anni dopo cadendo da cavallo nel 1916, a soli trentatré anni. La dinamica dell’incidente, banale nella sua tragicità, segna un netto distacco tra l’eroismo guerriero e le casualità dell’esistenza.

Il 17 agosto del 1916 la cavalla su cui montava nel corso di un’esercitazione militare, si imbizzarrisce a causa del passaggio di un autocarro e disarciona l’artista che cade al suolo rovinosamente. L’impatto col terreno sarà fatale. Nel luogo dell’incidente, nella campagna di Chievo, frazione di Verona, una targa commemora ancora oggi l’accaduto.

“Tutto si muove, tutto corre, tutto volge rapido.” (Umberto Boccioni)

umberto_boccioni_dinamismo-di-un-ciclista_vita_opere_riassunto_due-minuti-di-arte
Umberto Boccioni, Dinamismo di un ciclista, 1913, Collezione Mattioli, Milano

 

Annunci

5 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...