Da Trento ad Otranto, da Milano a Firenze, passando per Piacenza: scopri le mostre top in Italia dell’estate!

Una delle meravigliose opere di Mucha in mostra a Trieste

ESTATE 2022 – Anche quest’estate è ricco il programma di mostre in Italia, la soluzione migliore per coronare una bella vacanza o di un weekend fuori porta. A Venezia, ad esempio, ti aspettano la Biennale e la bellissima mostra sui surrealisti e la magia.

A Firenze intanto continuano la mostra su Donatello e le Pietà di Michelangelo. Poi c’è il Trentino, con le mostre di Trento e Rovereto, o la mostra di Klimt a Piacenza. Sono solo alcune delle mostre top della prossima estate.

10 MOSTRE DA VEDERE QUEST’ESTATE

1. “La Biennale di Venezia”
nei Giardini della Biennale e in sedi varie a Venezia
fino al 27 novembre 2022

La Biennale di Venezia (Foto di Bas Boerman – CC BY-NC 2.0)

Non potevamo che partire da uno degli appuntamenti artistici più attesi: l’Esposizione Internazionale d’Arte, giunta alla 59esima edizione. Il titolo di quest’anno “Il latte dei sogni”, ispirato ad un libro di favole di Leonora Carrington introduce alle tematiche di quest’edizione, che si interroga sulla definizione di essere umano e le relazioni con i suoi simili e le altre forme di vita che abitano il pianeta.

Il percorso espositivo si sviluppa tra il Padiglione Centrale e i Giardini e l’Arsenale, includendo 213 artiste e artisti provenienti da 58 nazioni. Sono 26 le artiste e gli artisti italiani, 180 le prime partecipazioni nella Mostra Internazionale, 1433 le opere e gli oggetti esposti, 80 le nuove produzioni.

Info: https://www.labiennale.org/

QUI TROVI UN ARTICOLO SULLA STORIA E LE CURIOSITÀ DELLA BIENNALE DI VENEZIA

2. Surrealismo e magia. La modernità incantata
alla Peggy Guggenheim Collection di Venezia
fino al 26 settembre 2022

La mostra Surrealismo e Magia a Venezia

Circa sessanta opere, provenienti da oltre 40 grandi istituzioni internazionali e collezioni private, raccontano l’interesse dei surrealisti per la magia, l’esoterismo, la mitologia e l’occulto.

Dalla Pittura metafisica di Giorgio de Chirico all’iconico dipinto di Max Ernst La vestizione della sposa, del 1940, fino ad arrivare all’immaginario occulto delle ultime opere di Leonora Carrington e Remedios Varo: un viaggio nel mondo visionario e misterioso dei maestri del surrealismo.

Info: www.guggenheim-venice.it

3. Canova, gloria trevigiana
al Museo Bailo di Treviso
fino al 25 settembre

La mostra su Canova a Treviso

“Canova gloria trevigiana: dalla bellezza classica all’annuncio romantico” è il titolo di questa mostra che presenta Canova come grandioso interprete dell’ideale estetico classico, ma anche Canova come straordinario contemporaneo annunciatore romantico.

Diversi i temi canoviani in mostra: dalle sculture eroiche, con l’inedito gesso del Cavallo preparatorio del famoso gruppo Il Teseo in lotta con il centauro di Vienna, alla modernità romantica, con le meditazioni sulla figura femminile afflitta e i gruppi gentili e amorosi (Amore e Psiche). E ancora i ritratti, le incisioni, le celebrazioni canoviane, la fotografia: un percorso ricco di oltre 150 opere, sviluppato in 11 sezioni.

Info: www.museicivicitreviso.it

4. Banksy. L’artista del presente
al Palazzo delle Albere di Trento
fino al 11 settembre 2022

Una delle opere più famose di Banksy, realizzata su di un muro di South Bank a Londra, nel 2007
Una delle opere più famose di Banksy, realizzata su di un muro di South Bank a Londra, nel 2007

Chi è Bansky? Probabilmente la mostra di Trento non riuscirà a risolvere l’enigma sulla persona che si cela dietro lo pseudonimo più famoso nel mondo della street art, ma di sicuro riuscirà a raccontare questo straordinario artista.

Le sale affrescate dell’antica villa del XVI secolo, ospitano quest’estate oltre 100 opere di Banksy, tra cui alcuni dipinti, serigrafie, numerosi stencil, alcuni oggetti installativi e memorabilia.

Info: www.mart.tn.it

5. Alex Katz. La Vita Dolce
al Mart di Rovereto
fino al 18 settembre 2022

A Rovereto la mostra su Alex Katz

Restiamo in Trentino per spostarci al Mart di Rovereto che, dopo le grandi mostre su Canova e Depero, presenta una monografia dedicata a uno dei pittori contemporanei più noti: l’americano Alex Katz.

Attraverso un selezionato corpus di circa cinquanta dipinti di grandi dimensioni, realizzati tra gli anni Novanta ed oggi, racconta la stagione della maturità del pittore americano, a cavallo tra Minimalismo e Pop Art.

Info: www.mart.tn.it

6. Sebastiao Salgado. Altre americhe
al Castello Aragonese di Otranto
fino al 2 novembre 2022

A Otranto le foto di Salgado

Dalle montagne del Trentino alle assolate scogliere di Otranto, per una mostra finora inedita in Italia. Si tratta del primo grande progetto fotografico realizzato da Sebastião Salgado quanto, tra il 1977 e il 1984, dopo anni di vita in Europa, decise di tornare a conoscere e riconoscere la sua terra, il Brasile e l’America Latina.

In esposizione a Otranto, per la prima volta 65 opere di tre diversi formati. Opere in bianco e nero, di grande potenza plastica, capaci di confermare per il mondo intero la nascita di un grande fotografo e un narratore del nostro tempo: Sebastião Salgado.

Info: www.arte.it

7. Marc Chagall. Una storia di due mondi
al Mudec di Milano
fino al 31 luglio 2022

A Milano la mostra su Chagall

Una mostra su Chagall un po’ diversa da quelle a cui siamo abituati. Al Mudec di Milano, oltre 100 opere affrontano l’opera dell’artista bielorusso da un punto di vista nuovo, collocandola nel contesto del suo background culturale.

La mostra, curata dall’Israel Museum di Gerusalemme, ripercorre alcuni temi fondamentali della vita e della produzione di Chagall: dalle radici nella nativa Vitebsk, all’incontro con l’amata moglie Bella Rosenfeld, fino alle illustrazioni della Bibbia e alle riflessioni sul destino del popolo ebraico. Il percorso espositivo si completa con una selezione di oggetti rituali, usati nelle cerimonie religiose delle comunità ebraiche e che sono spesso raffigurati nelle opere di Chagall.

Info: www.mudec.it

QUI TROVI L’ARTICOLO CON LE 5 OPERE PRINCIPALI DI CHAGALL

8. Le tre Pietà di Michelangelo
al Museo dell’Opera del Duomo di Firenze
fino all’1 agosto 2022

Michelangelo Buonarroti, Pietà del Vaticano
Michelangelo Buonarroti, Pietà del Vaticano, 1497-1499, marmo, asilica di San Pietro in Vaticano, Città del Vaticano

Tre meravigliose opere d’arte, che raccontano la carriera e l’evoluzione artistica del grande Michelangelo, per la prima volta insieme in un unico luogo: il Museo dell’Opera del Duomo.

L’esposizione mette a confronto, vicina l’una all’altra, nella sala della Tribuna di Michelangelo del Museo, l’originale della Pietà Bandini, di cui è da poco terminato il restauro, e i calchi della Pietà Vaticana e della Pietà Rondanini provenienti dai Musei Vaticani. Non si tratta quindi di una mostra vera e propria, ma è di sicuro un appuntamento imperdibile per chi ama l’arte.

Info: www.arte.it

QUI TROVI L’ARTICOLO CON LE 5 OPERE PRINCIPALI DI MICHELANGELO

9. Donatello, il Rinascimento
al Palazzo Strozzi di Firenze
fino al 31 luglio 2022

La mostra di Donatello a Firenze

Restiamo ancora a Firenze, perché continua fino al 31 luglio una delle mostre più importanti della scorsa primavera, che mira a ricostruire lo straordinario percorso di uno dei maestri più importanti e influenti dell’arte italiana di tutti i tempi, a confronto con capolavori di artisti come Brunelleschi, Masaccio, Andrea Mantegna, Giovanni Bellini, Raffaello e Michelangelo.

Distribuita su due sedi, Palazzo Strozzi e il Museo Nazionale del Bargello, il percorso espositivo si compone di oltre 130 opere tra sculture, dipinti e disegni con prestiti unici, alcuni dei quali mai concessi prima, provenienti da quasi sessanta tra i più importanti musei e istituzioni al mondo.

Info: www.palazzostrozzi.org

10. Klimt. L’uomo, l’artista, il suo mondo
alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza
fino al 24 luglio 2022

Protagonista della mostra piacentina è il Ritratto di signora, il dipinto klimtiano trafugato misteriosamente nel 1997 e riapparso a dicembre 2019, in un vano lungo il muro esterno della Galleria.

Oltre al ritratto piacentino: 160 opere, tra dipinti, sculture, grafica, manufatti d’arte decorativa provenienti da 20 prestigiose raccolte, per raccontare uno dei periodi più entusiasmanti della storia dell’arte del primo ‘900 visto attraverso la vita, il percorso creativo e le collaborazioni del padre della Secessione Viennese: Gustav Klimt.

Info: https://riccioddi.it

QUI TROVI L’ARTICOLO CON LE 5 OPERE PRINCIPALI DI KLIMT

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.